Paolo Radi - Copertina_1090x720

Opera Discronica – di Paolo Radi

Opera Discronica è un percorso che evidenzia l’impossibilità di un punto di vista univoco nel mio lavoro. L’opera è in divenire e non riesce a cristallizzarsi in un evento, ha bisogno di tempi di lettura conseguenti e diversi che possano identificare il momento visivo. L’opera è un insieme smembrato come fatto cognitivo d’insieme. L’opera è un composto alchemico di momenti separati. L’attraversamento di questi momenti compone l’opera.

È il percorso che determina l’opera.

Passare da un luogo ad un altro, percepire l’attraversamento del tempo.

Passare e attraversare, cercare al buio il primo evento luminoso capace di segnare il percorso.

Quando si è al buio, solitamente, si avanza mettendo avanti le mani. In questo caso si tratta di manovre nell’oscuro, di un’oscurità speciale: è una luce buia, dalla quale emergono un segno, una strada e lo stupore di aver finalmente percepito l’impercettibile. Le mani, quando plasmano e scrivono l’oscuro, sono in gran movimento e nonostante il progetto, a volte, tirano conclusioni inaspettate.

Quello che cerco è il buio luminoso, non contraddizione implicita, ma eccitazione visiva nella percezione dell’oscurità. Nelle mie opere più recenti spesso appaiono dei passaggi, delle feritoie: queste sono proprio l’ingresso nel buio. Tagli illusori che alludono al passare, all’attraversare spazi altri, che mettono in relazione il tempo in istanti diversi. Lo sfasamento temporale è un’esigenza interna al mio lavoro. L’opera si tuffa nel passato e riemerge nel presente, proiettandosi poi nel futuro verso il divenire per un improbabile appuntamento.

Quando lo sguardo è in profondità nell’opera, il vuoto oscuro si percepisce come assenza di tempo e perdita di memoria; appaiono segni, ombre, elementi solidi e incorporei, legati da un’intima oscurità e che sono argomentazione dell’assenza. La spirale di luce tenta di calibrare dall’interno la tensione generata dall’oscuro accompagnandolo sulla soglia del visibile.

Io sono il custode della soglia, colui che è affetto da discronia cronica, il provocatore di evocazioni e sogni.

[ ©Paolo Radi – Vietato riprodurre, anche parzialmente, il materiale pubblicato ]

Questo sito, oltre a cookie tecnici che sono usualmente presenti nei siti, può contenere, come buona parte dei siti, cookie di profilazione di terze parti (per esempio da Facebook, Youtube, Google Analytics). Chiudendo questa finestra, dai il tuo consenso alla loro possibile installazione. http://www.aboutcookies.org/

Questo sito, oltre a cookie tecnici che sono usualmente presenti nei siti, può contenere, come buona parte dei siti, cookie di profilazione di terze parti (per esempio da Facebook, Youtube, Google Analytics). Chiudendo questa finestra, dai il tuo consenso alla loro possibile installazione.

Chiudi